Scafati. La scuola Badia ricorda la Costituzione: “No alla guerra”

#BADIARTICOLO11DELLACOSTITUZIONEITALIANA
Questo l’hastag lanciato dai piccoli alunni del Terzo Circolo Didattico di Scafati plesso “Badia”, per dire no alla guerra di aggressione che sta subendo l’Ucraina e lanciare un richiamo alla pace e al diritto all’autodeterminazione di ogni popolo

“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”.

Oggi più che mai quest’articolo della Costituzione richiama alla identità nazionale. All’indomani della seconda guerra mondiale, i padri fondatori, tracciarono la strada della nuova era per il nostro Paese che fosse all’insegna della pace. Forte il monito anche di Papa Francesco che oggi 2 marzo 2022 ha invitato tutti a  pregare e digiunare  per l’Ucraina e a sventolare le bandiere nonché osservare un minuto di silenzio per le vittime della guerra.
I bambini hanno prodotto le bandierine della pace e seguito la diretta con ospite il Ministro della pubblica istruzione: Patrizio Bianchi.

Come inno alla pace i bambini della Badia hanno letto la bella poesia di Rodari “La luna di Kiev”.
È stato inoltre letto e spiegato l’art.11 della Carta Costituzionale ai piccoli all’interno del  progetto che il Terzo Circolo porta ormai avanti da anni: “Giochiamo con le parole della Costituzione”.
“Pace” è la parola che si leva forte dalla Badia e da tutto il mondo della scuola.