Scafati. Giovanni o’ sceriffo, evento a due anni dalla scomparsa.

In occasione del secondo anniversario della scomparsa di Giovanni Vitiello (“o sceriff”), apprezzato educatore scafatese ed uomo di sport, il Comitato “Insieme per Giovanni” promuove l’evento on line “UNO SCERIFFO IN CITTA’”, che sarà trasmesso in diretta da RTA LIVE sabato 13 febbraio, dalle ore 15,30 alle ore 17,30. All’evento parteciperanno anche il Sindaco Cristoforo Salvati e l’Assessore alla Cultura Alessandro Arpaia. Previsti, inoltre, gli interventi del presidente del Comitato, dott. Giusepe Cacciapuoti, del prof. Gennaro Carillo, ordinario di Storia del pensiero politico dell’Università “Federico II” di Napoli, del presidente di “Trame africane” Pasquale Coppola, del direttore sportivo della Paganese calcio Gugliemo Accardi e degli allenatori di calcio Vincenzo Sicignano e Massimo Rastelli. Modererà Antonio De Felice del Comitato “Insieme per Giovanni”.

“Non potevamo – dichiara il Sindaco Salvati – non ricordare e commemorare un uomo di così grande valore morale ed umano, che ha lasciato un segno indelebile nella comunità scafatese. Grazie alla sua opera di educatore Giovanni Vitiello ha supportato i nostri giovani, guidandoli, trasmettendo loro fiducia e valori etici fondamentali. Una vita, quella di Giovanni, caratterizzata dall’impegno nel sociale, dalla passione per lo sport, dalla dedizione per i giovani di cui è stato insostituibile punto di riferimento. Ringrazio il presidente del Comitato promotore, Giuseppe Cacciapuoti, per avermi invitato a partecipare all’evento in memoria del nostro amico Giovanni, al quale abbiamo deciso di intitolare lo Stadio comunale, con votazione unanime da parte del Consiglio comunale. Un riconoscimento dovuto ad una persona che ha fatto tanto per questa città, soprattutto per i nostri ragazzi. Attendiamo il nulla osta della Prefettura di Salerno, che solleciteremo affinché si possa procedere quanto prima”.

Saranno previsti altri autorevoli interventi, dall’Italia e dall’estero, a testimonianza del segno che Giovanni Vitiello ha lasciato in chi lo ha conosciuto, della dignità dell’uomo, del grande valore umano e sociale della persona.

“L’iniziativa del Comitato – sottolinea il presidente del Comitato “Insieme per Giovanni”, Giuseppe Cacciapuoti – nasce dall’esigenza di ricordare un grande amico, una persona speciale che ha avuto un ruolo significativo nel mio percorso di crescita, come in quello di intere generazioni di giovani scafatesi. Tanti ricordi di gioventù sono legati alla persona di Giovanni Vitiello (“ o sceriffo”). Ma non è solo questo. Credo che una comunità che si riconosce intorno a determinati valori, di solidarietà, di impegno sociale, una comunità che riconosca importanza all’aspetto educativo, abbia il dovere di mantenere viva la memoria di una persona che tali ideali ha incarnato lungo l’intero arco della propria esistenza; si tratta di indicare alla nuove generazioni un modello di vita, una idea di società, aliena da ogni forma di egoismo e di esasperato individualismo, che appare ancora oggi di straordinaria attualità.”