Emergenza Covid19, le parole di Nello Longobardi su basket e lavoro.

La straordinaria emergenza dettata dal rischio contagio da Covid-19, ha alterato sensibilmente le quotidiane abitudini di tutti e pregiudicato parecchi settori, tra cui in particolare quello lavorativo e sportivo.
Proprio a tal riguardo Nello Longobardi, patron della Givova Scafati, ha ritenuto doveroso effettuare una serie di considerazioni, rivolgendo in particolare le proprie attenzioni alla stagione agonistica in corso.

Le dichiarazioni di patron Nello Longobardi: «Innanzitutto è doveroso evidenziare che mai nessuno avrebbe pensato di vivere una situazione così grave e drammatica, che mette in primo piano la vita umana, la sopravvivenza e poi lavoro, sport e tutte le altre componenti della quotidianità. Voglio poi ringraziare i nostri partner, come Coppola, Eurorida, Marano, Rotary Pompei e Tagliafierro, che si sono sensibilizzati ed adoperati, anche attraverso la nostra iniziativa, a partecipare con donazioni varie alla solidarietà che necessita il momento storico che stiamo vivendo. La nostra azienda, nel corrente periodo, non ha interrotto la produzione, che verte su generi alimentari di prima necessità, e proprio per tale motivo un infinito grazie lo voglio rivolgere a tutti coloro che hanno continuato incessantemente a lavorare, sprezzanti del pericolo e della paura del contagio, sebbene avessimo adottato tutte le necessarie misure dettate da Governo e Regione Campania per limitare al minimo il rischio di contagio.

Dobbiamo tanto a costoro che, come chiunque altro lavori nello stesso settore, hanno permesso di non far mancare mai i generi alimentari nelle case delle famiglie. Un lavoro cresciuto esponenzialmente in queste ultime settimane, che abbiamo voluto premiare, riconoscendo, oltre al normale stipendio, un bonus netto di 200,00 euro a tutti i nostri dipendenti, per il coraggio e l’abnegazione mostrata in questo periodo così difficile, soprattutto sotto il profilo emotivo.

Per quanto riguarda invece l’evoluzione della situazione sportiva, mi sembra chiaro ed alquanto superfluo constatare che questo campionato non riprenderà. Dalle dichiarazione del Ministro Spadafora e dalle altre fonti governative, mi sembra impossibile in tempi brevi l’eliminazione dei divieti che impongono la completa permanenza a casa per coloro che non fanno parte dei settori strategici e abilitati. Pertanto, per le società come la Givova Scafati Basket, che ha saldato ogni spettanza dovuta fino al 29 Febbraio 2020 ed è in perfetta regola con ogni adempimento finanziario, è arrivato il momento di considerare le modalità per la chiusura dell’anno sportivo. In una situazione a dir poco tragica, sembra fuori dubbio che le perdite di un anno sportivo purtroppo da cancellare, vadano divise fra tutti quelli che fanno parte di questo mondo.

Pertanto, è arrivato, a nostro parere, il momento di abbandonare strategie politiche e di iniziare a parlare fattivamente delle modalità per arrivare ad un accordo fra le varie componenti, tutelando e tenendo in gran considerazione e rispetto tutti quei Club che hanno onorato in pieno ogni scadenza e pagamento. Ci auguriamo di assistere nei prossimi giorni ad una discussione fattiva e concreta per la soluzione dei problemi suddetti, finalizzata alla chiusura dell’anno sportivo corrente».