Scafati. Scuole chiuse? All’Anardi lezioni su Skype, Instagram e WhatsApp.

Scuole chiuse per le emergenza coronavirus, la Tommaso Anardi non si ferma: lezioni online e invio di materiale didattico tramite Skype, Instagram e WhatsApp.

Si tratta del potenziamento di alcuni servizi che erano già in funzione all’istituto scolastico Tommaso Anardi di Scafati. Dopo la chiusura delle scuole da parte del governo nazionale, quindi, la prof.ssa Emma Cimmino, animatore digitale dell’istituto, insieme al preside Guglielmo Formisano, si è subito attiva per l’organizzazione di un programma di lezioni online.
In realtà, in alcune sezioni era già stata avviata la sperimentazione di “Edmodo” come “classe virtuale”, per la condivisione di file, video, e approfondimenti e per affrontare l’emergenza coronavirus l’intera piattaforma sarà potenziata, anche con la creazione di test con valutazione.

L’idea nuova, però, che dovrebbe materializzarsi in queste ore, è quella di creare una connessione tramite Skype tra i docenti e gli alunni, con quest’ultimi che potrebbero seguire le spiegazioni direttamente da casa, davanti al proprio computer o smartphone. La nuova frontiera dell’insegnamento, inoltre, prevede l’utilizzo anche dei social network più amati dai ragazzi. Dalle dirette su Instagram con le spiegazioni dei professori, che danno la possibilità agli studenti di interagire in tempo reale, ai gruppi WhatsApp, dove è possibile scambiarsi materiale di studio. Gli stessi docenti dell’Anardi prepareranno, inoltre, alcune mappe concettuali legate agli argomenti spiegati online, in modo da poter completare tutti i concetti, e le invieranno tramite le varie piattaforme digitali.

“La nostra scuola non si ferma” è il commento, che sa di slogan, del preside Guglielmo Formisano. “Inoltre disponiamo di Argo Software come fornitore della scuola, – spiega il dirigente – che può serenamente attivare forme di didattica a distanza e di smart working, nel periodo di chiusura legato all’emergenza coronavirus. Applicativi web come: alunni, personale, bilancio, gestione documentale, ecc. consentono a tutto il personale scolastico di operare, in totale sicurezza, da qualsiasi parte del mondo, senza necessariamente essere a scuola. E per quanto attiene la didattica, didUP è uno strumento che da sempre ha reso possibile, anche a distanza, con apposite funzioni dedicate, la condivisione di materiale tra docenti e studenti, che possono anche essere integrate con gli strumenti gratuiti già disponibili online, più utilizzati a livello mondiale. Il tutto, in piena conformità all’iniziativa promossa dal Ministero”.
Una didattica online, curata dalla prof.ssa Emma Cimmino, che vede la scuola Tommaso Anardi come pioniera nel mondo degli istituti statali. A livello privato, infatti, tali realtà sono già ben strutturate, basti pensare alle università telematiche.