Domenica 29 Marzo ora legale per l’ultima volta? La decisione del governo Italiano.

Ci sono novità riguardo l’uso dell’ora legale, un tema che da qualche anno a questa parte ha coinvolto tanti paesi dell’Unione EuropeaItalia compresa, chiamati a decidere se continuare a spostare le lancette due volte all’anno oppure no.

Nel 2020, nel nostro paese, verrà adottata regolarmente l’ora legale. Le lancette degli orologi verranno spostate un’ora in avanti a partire da domenica 29 marzo e da quel giorno le giornate appariranno più lunghe per tutta l’estate e fino ad ottobre. Ma sarà quella l’ultima volta in cui in Italia verrà adottata l’ora legale? La risposta è no.

Decisione confermata, stando a quanto si apprende dal web. Che, a quanto pare, non ha presentato alcun documento di modifica.

Ma per quale motivo la nostra penisola è giunta a tale decisione?

Le motivazioni sembrano essere principalmente tre:

  1. Non si conoscono i reali vantaggi o svantaggi di questa abolizione: scegliere, quindi, di far prevalere l’ora solare sull’ora legale, significherebbe non conoscere a perfezione i reali ‘danni’ che tale cambio d’orario provoca su di noi;
  2. Una questione economica: spostare le lancette un’ora avanti per circa sei mesi all’anno, si sa, va ad incidere anche sulla sfera economica. Tale opzione di orario, infatti, in determinati mesi permette a tutti noi di ritardare l’accensione della luce. E, quindi, un conseguente risparmio sulle bollette;
  3. Abolire l’ora legale potrebbe comportare un caos con gli altri fusi orari: se ogni Paese adottasse un propria scelta riguardo a tale cambio d’ora, che confusione si creerebbe con i rispettivi fusi orari?

Ecco. Sono proprio queste le motivazioni che hanno spinto l’Italia a dire ‘no’ all’abolizione dell’ora legale.

Niente cambiamento, dunque, da parte dell’Italia: si continuerà ad andare avanti con l’ora legale che entrerà in vigore il prossimo 29 marzo.