Scafati e agro: oltre 500 donne vittime di violenza negli ultimi tre anni.

Sono oltre 500 le donne che sono state vittime di violenza, e che si sono rivolte al centro Antiviolenza, negli ultimi tre anni.
Un dato eclatante che emerge dall’incontro organizzato dall’amministrazione comunale scafatese in occasione della giornata contro la violenza sulle donne.

Presso la sala teatro San Francesco, oltre alle istituzioni, sono intervenuti i responsabili del centro antiviolenza istituito circa tre anni fa dal Piano di Zona che comprende i comuni di Scafati, Angri, Corbara e Sant’Egidio del Monte Albino.
Durante gli interventi è emerso che sono state oltre 500 le donne (mogli, figlie, madri, fidanzate, amiche, ecc) che si sono rivolte al centro per chiedere aiuto. Di queste, però, solo circa 50 di loro sono riuscite a proseguire con l’azione penale nei confronti dell’uomo che le aggressiva.

Una situazione che è stata confermata anche dalle forze dell’ordine presenti: Vigili Urbani e Carabinieri. Pasquale Carbone della Polizia Municipale ha spiegato come spesso le donne che chiedono il loro aiuto hanno timore che si “venga a sapere in giro”. Interessante intervento, poi, del comandante dei Carabinieri di Scafati Gennaro Vitolo, che ha lanciato un appello alle donne di denunciare più spesso. Quando si arriva dai Carabinieri, ha spiegato, vuol dire che si è già ad un punto di forte emergenza. È stata, infine, sottolineata l’importanza della nuova legge, il cosiddetto codice rosso, che consente alle Forze dell’ordine di essere molto più veloci nel contrasto alla violenza.

La serata è stata presentata da Giovanna Criscuolo, e vi hanno preso parte il Sindaco Cristoforo Salvati, e vari consiglieri e assessori.