“Salviamo la Villa Comunale”, affidamento simbolico alla scuola Anardi

Quest’anno l’I.C. “Tommaso Anardi” ha aderito al Progetto della Fondazione Napoli Novantanove, in collaborazione con il M.I.U.R.: “La scuola adotta un monumento” e il 9 Maggio, in occasione della III Giornata Nazionale A.M.A. (Atlante Monumenti Adottati), gli alunni di Scuola Secondaria di Primo Grado,  Classi 2G e 2H, in rappresentanza dell’intero Istituto, hanno organizzato alcune attività nello spazio antistante alla “Villa Comunale” allo scopo di far conoscere, valorizzare e promuovere il giardino pubblico di Scafati. La scuola ha, infatti, ricevuto l’affidamento simbolico da parte del Comune di Scafati del “Parco Wenner” per stringere e mantenere vivo il legame con il nostro territorio e con la nostra villa, così vicina sia fisicamente che emotivamente all’Istituto “Anardi” che, da sempre,  promuove i valori della cultura e dell’arte,  valori  che, se condivisi in larga scala, danno concretezza alla cultura della legalità, del rispetto reciproco, della tolleranza.

Il giorno 9 Maggio 2019, per celebrare la Giornata Nazionale A.M.A,  i suddetti alunni si sono recati con i loro docenti, Annalisa De Simone  e Sabrina Pagano, e con la collaborazione di  Katia D’Amora e Ciro Sisto e con il supporto organizzativo delle altre componenti scolastiche, nello spazio adiacente alla villa per dar voce ai loro sentimenti, raccontandone la storia, sensibilizzando i passanti e facendo circolare” in rete” sia  le immagini del parco che delle attività preparate durante le ore curriculari. Fuori al cancello della “Villa comunale”, è stata allestita una mostra fotografica: “I luoghi della villa parlano al cuore dei giovani” con le foto dei momenti felici e di quelli più difficili del nostro giardino; sono stati esposti disegni degli alunni che ritraggono angoli  caratteristici della villa; gli alunni, poi, hanno giocato al “Wenner game” , gioco da tavolo da loro realizzato, sull’esempio del” gioco dell’oca”, formulando domande sulla storia della villa, per le carte premio; hanno recitato poesie di autori illustri (“La quercia recisa” di Domenico Vangone) e altre, sugli alberi e sulla natura,composte da loro stessi. Sono state distribuite ai passanti le brochure realizzate dagli alunni, in cui essi raccontano la storia, le trasformazioni che la villa ha attraversato, riconoscendone l’inestimabile valore storico, culturale e civile.

Gli alunni, dunque,con l’aiuto di tutte le componenti scolastiche e anche attraverso incontri con alcune associazioni del territorio (“S.O.S. Salviamo la Villa”), hanno appreso l’importanza di questo immenso patrimonio ambientale e non “vogliono” privarsene; come, in passato, è stato per i loro genitori e prima ancora per i loro nonni, “vogliono” godere delle passeggiate alla frescura delle fronde degli alberi secolari, auspicando un ritorno della villa come luogo di incontro, di aggregazione e come  sede “naturale” di spettacoli di musica, danza e cultura all’aria aperta. Anche se attualmente il “Parco Wenner” è chiuso al pubblico e , nel corso dell’anno scolastico non è stato possibile  visitarlo e frequentarlo, svolgendo al suo interno parte delle attività didattiche come era stato programmato dai docenti, gli alunni sono decisi, appena sarà possibile, a mettere in campo azioni e a promuovere iniziative concrete volte alla valorizzazione di questo meraviglioso patrimonio naturale , simbolo della memoria storica e civile della nostra città. Il Dirigente Scolastico, Prof. Guglielmo Formisano, si è complimentato con i docenti e con gli alunni  per le attività realizzate  e per il “viaggio” compiuto durante la realizzazione del Progetto.

Comunicato Stampa