SCAFATI. UN POMERIGGIO ALLA FATTORIA LOPORTO, EVENTO CON I RAGAZZI.

È stata una giornata ricca di apprendimento per gli alunni della Scuola Primaria “Tommaso Anardi” che il 21 Marzo sono stati in visita alla Fattoria Loporto partecipando all’evento “Tipicità e unicità agricole e zootecniche dell’ager vesuvianus” organizzato da Angela Pisacane, vicepresidente UIMEC, dall’organizzazione Copagri, dall’insegnante Olga Mosca. Durante la visita i ragazzi hanno potuto ammirare le varie specie di animali presenti nella Fattoria Loporto, che è specializzata in allevamento di conigli, polli ruspanti, selvaggina e animali avicoli ornamentali. Una realtà prestigiosa per la città di Scafati che vede al suo apice la giovanissima titolare Martina D’Ambruosio che, appena 25enne, ha rilevato l’attività di famiglia proseguendo con passione il percorso iniziato un quarto di secolo fa dal padre Raffaele.

“Ottenere fiducia dai propri clienti è il nostro obiettivo primario. – spiega Martina – Per questo impegniamo ogni giorno tutte le nostre risorse umane e professionali acquisite in anni di esperienza maturati nel campo dell’allevamento avicolo rurale. Il nostro scopo è fornire prodotti sani con un’alta rusticità e qualità, privilegiando il benessere degli animali e curando l’aspetto igienico-sanitario, anche grazie ad una presenza costante di un veterinario aziendale”.

Durante la visita degli alunni della Tommaso Anardi, a fare da cicerone è stata proprio Martina, accompagnata da papà Raffaele, e dall’agronomo dott. Simone Porricelli. In particolare i ragazzini hanno approfondito le varie specie animali presenti nella fattoria, oltre agli ortaggi, al tipo di terreno, alle colture.

“Nell’ambito del Progetto eTwinning  “Tiles of the same wonderful mosaic  – Tasselli di un unico meraviglioso mosaico”, – afferma il Dirigente Scolastico della Tommaso Anardi, Prof. Guglielmo Formisano –  gli allievi in visita alla Fattoria Loporto hanno potuto osservare colture antichissime e non come il grano, la vite, l’olivo, i legumi, il pomodoro “ San Marzano “ dop, il cipollotto nocerino, il peperoncino, il broccolo “friariello“, le albicocche vesuviane, che convivono fianco a fianco in un “unicum“ paesistico giustamente “ felix“. La felice combinazione del terreno vulcanico e del clima mediterraneo rende possibile fino a 10 raccolti l’anno. Questi prodotti sono il “tesoro“ del nostro “ager“, patrimonio di cultura e tradizione, eredità contadina e artigiana, ma anche volano di sviluppo sociale ed economico: sicuramente, il più bell’orto d’Europa”.

Insomma la Fattoria Loporto è sicuramente un posto da vedere, e dove poter trovare polletti da allevare, polli ruspanti e conigli, polli ornamentali di varie razzie, e poi faraoni, fagiani, quaglie, oche, selvaggine, ecc. Lo sanno bene gli alunni dell’Anardi che, accompagnati dai proprio genitori e da alcune insegnanti, hanno trascorso qualche ora all’aria aperta tra gli animali, ammirando la bellezza della natura che ci circonda.